giovedì 23 aprile 2009

019



I giorni seguenti furono estremamente duri. Cervello provò a dividere le sue terrificanti e dolorose giornate con Corazza.
L’insana iperattività di quest’ultimo, però, fece da scoglio.
Lavorare, lavorare, sempre lavorare…

Nessun commento:

Posta un commento